Scopri

3

Scopri

3

Scopri

3

Museo a cielo aperto

Lungo il percorso che da Vetan porta al Rifugio,tra i rami e dietro i sassi si affacciano piccole creature del bosco: il gufo, le civette, il falco e i leprotti, la marmotta, il picchio, il gallo cedrone, la volpe e l’aquila, per citarne alcun, mentre tra gli alberi gli gnomi curiosi spiano l’escursionista.

Avvicinandosi al rifugio le sculture diventano più grandi: ed ecco il nonno che indica ai nipoti la direzione per il rifugio, la coppia di camosci e quella di stambecchi ma anche un montanaro che… ohibò…., colto da necessità improvvise… si nasconde dietro un sasso.

Le sculture del Museo a Cielo Aperto, fatta eccezione per la madonna inserita in una grotta, sono realizzate in maniera più rustica e utilizzando essenze lignee meno pregiate ma sicuramente più adatte a resistere all’esterno.

Passo dopo passo sarà la curiosità a guidare i visitatori in una caccia al tesoro tra statue di legno e profumi di montagna.
La maggior parte delle opere (circa 100/120) sono state realizzate dallo scultore nonché proprietario del rifugio Siro Viérin.